Turismo: Pasqua in Sicilia sud-orientale

 

Bellezze naturali, dalla costa ionica agli altipiani dell’entroterra

La cooperativa Silene con il supporto tecnico dell’agenzia Kukla Viaggi propone per il ponte pasquale (29 Marzo/1 Aprile) un’appassionante viaggio fra le bellezze naturali, archeologiche ed artistiche della Sicilia sud orientale. Faremo delle splendide escursioni fra le tombe rupestri di Pantalica, ammireremo gli incantevoli paesaggi di Cavagrande del Cassibile, viaggeremo nel tempo fra i ruderi greci di Akrai, ci lasceremo meravigliare dalle perle del barocco siciliano, osserveremo stormi di fenicotteri rosa in sosta a Vendicari e tanto altro. Quattro giorni densi di esperienze, allegria, panorami incantevoli e ottima cucina. Il pernottamento sarà in tenda* presso l’azienda agrituristica Giannavì (http://www.fattoriagiannavi.it/), poco distante dalla nota cittadina barocca di Palazzolo Acreide, che si occuperà anche delle cene a base dei loro sani prodotti locali.
PROGRAMMA DETTAGLIATO:

29 Marzo
8:30 Partenza da Palermo
12:00 Arrivo nella riserva di Pantalica (lato Sortino) e inizio escursione.
Il sentiero che affronteremo si insinua nel cuore dell’altopiano Ibleo su un paesaggio scolpito dall’azione millenaria del fiume Anapo e dal torrente Cavagrande. Un panorama unico e imponente, profondi canyon su cui scorrono le acque e aspre pareti verticali sono il proscenio di una civiltà che prima dei greci colonizzò queste rocce intarsiandole di grotte artificiali e necropoli costruendo la più vasta necropoli a cielo aperto d’Europa, oggi patrimonio dell’Unesco.
Note tecniche: Lunghezza: circa 4 km complessivi. Dislivello 250 m. Difficoltà: facile. Pranzo a sacco
18:00 Arrivo all’agriturismo, montaggio tenda o assegnazione delle stanze.
20:00 Cena (antipasti, primo, secondo, dolce)
Dopo cena passeggiata a Palazzolo Acreide.

30 Marzo
8:00 Colazione e partenza per la riserva di Cava Grande
10:00 inizio escursione Laghetti di Cava Grande del Cassibile.
Il sentiero che affronteremo è lo “Scala Cruci” e si diparte dal Belvedere di Cava Grande. Per lungo tempo il sentiero è rimasto chiuso a causa di una frana ma oggi è di nuovo fruibile agli amanti della natura che così hanno modo di godere di uno dei luoghi più potenti e famosi della Sicilia. Un gioiello naturalistico che trova i suoi punti di maggior fascino nei laghetti e nelle cascate formate dal corso del fiume Cava Grande dove i più coraggiosi potranno farsi un ristoratore bagno. In queste vallate, ricoperte da fitta vegetazione e oggi regno incontrastato di rapaci e altri animali, un tempo trovarono rifugio i Siculi che qua hanno lasciato uno dei più impressionanti insediamenti rupestri del mondo antico
Note tecniche: Lunghezza: circa 4 km complessivi. Dislivello 300 m. Difficoltà: media. Pranzo a sacco
Pomeriggio: Visita del sito di Akrai o in alternativa visita di Avola antica
20:00 Cena (antipasti, primo, vino)
31 Marzo
8:00 Colazione e partenza per la riserva di Vendicari
10:00 Inizio escursione Vendicari
Vendicari è il paradiso degli uccelli. Fra i pantani prospicienti la costa sono centinaia le specie che si possono incontrare, da stormi multicolore di Fenicotteri rosa a decine di Aironi, da falchi di palude a centinaia di anatre Uccelli che approfittano di quest’area incontaminata come punto di sosta durante la migrazione o per trovare rifugio durante l’inverno. tanto da farne una zona umida di importanza internazionale. Ma vendicari non è solo questo, si può ammirare una superba vegetazione dunale e tracce storiche disseminate lungo il percorso.
Note tecniche: Lunghezza: circa 5 km complessivi. Dislivello trascurabile. Difficoltà: facile. Pranzo a sacco
Pomeriggio Pantani Cuba e Longarini
A poca distanza da vendicari si trova un’altra area umida anch’essa estremamente interessante ma meno nota della precedente. Sarà un’occasione per osservare la flora tipica di ambienti palustri e della fauna associata.
20:00 Cena (antipasti, primo, vino)

1 Aprile
8:00 Colazione, preparazione bagagli e smontaggio tenda e partenza per la riserva
Fiume Ciane e Siracusa
La sorgente del fiume Ciane (dal greco kyanos, verde azzurro) è un luogo incantevole denso di storia e di mito. Sono diverse le leggende legate a questo luogo, la più suggestiva richiama la ninfa Ciane trasformata in sorgente dal dio degli inferi Ade perché cercò di difendere Persefone. Questo luogo è celebre anche perché ospita l’unica popolazione europea di papiro la cui origine è forse da ricercare in un dono fatto Tolomeo II a Gerone II di Siracusa nel III a.C..
Pomeriggio: passeggiata a Ortigia

Rientro a Palermo previsto per le 19:00

COME DOVE QUANDO
Raduno da Palermo a piazzale Giotto presso terminal AST venerdì 29 Marzo ore 8:30 e partenza un quarto d’ora dopo con mezzi propri

Per informazioni e prenotazioni
Calogero Muscarella 3331526549, Gabriele Giacalone cell 3332507137 Email: [email protected]
www.silenecoop.org

COSTI: 160€ a persona (150€ per studenti e minorenni). La quota comprende: 3 pernottamenti in tenda presso il campeggio dell’agriturismo Giannavì, 3 colazioni, 3 cene, 3 cestini pranzo, assicurazione, guida dei percorsi naturalistici. La quota non comprende spese di carburante, eventuali biglietti d’ingresso, e quanto non espressamente indicato in “la quota comprende”.

NB: prenotazione entro sabato 23 marzo. Alla prenotazione va depositata il 50% della quota

*Presso l’agriturismo Giannavì sono disponibili anche delle camere il cui costo e disponibilità va concordato con l’agriturismo e varia in relazione alla disponibilità e al numero delle richieste.

Lascia un Commento