TROPPE COINCIDENZE: DIALOGO CON GIUSEPPE AYALA

 

LUNEDÌ 19 NOVEMBRE ALLE ORE 17,30 A PALAZZO BRANCIFORTE DIALOGO CON GIUSEPPE AYALA CONDOTTO DA FRANCO NICASTRO nell’ambito delle iniziative collaterali alla mostra Non li avete uccisi: le loro idee cammineranno sulle nostre gambe. Falcone e Borsellino vent’anni dopo allestita dall’Agenzia ANSA.

Ayala, autore del bestseller CHI HA PAURA MUORE OGNI GIORNO. I MIEI ANNI CON FALCONE E BORSELLINO, negli anni Ottanta, ha fatto parte per tutta la sua durata del pool antimafia della Procura di Palermo. Successivamente è stato deputato e senatore per quattro legislature e sottosegretario alla Giustizia dal 1996 al 2000.

Nel suo ultimo libro TROPPE COINCIDENZE, edito da Mondadori, l’autore riflette su una stagione che si estende sino agli anni più recenti e ci svela che Cosa Nostra, anche se ha rinunciato al tritolo, non è morta. Anzi, lontano dai riflettori, ha ritrovato il suo habitat naturale mimetizzandosi in un’area grigia protetta da silenzi e omissioni.

Fu solo di Cosa Nostra la responsabilità delle stragi del 1992 e del 1993? Perché la mafia decise di rinunciare all’attacco allo Stato?

Quale ruolo hanno avuto le istituzioni nella lunga “pax mafiosa ” che dura, ormai, da vent’anni?

Per rispondere a questi interrogativi, Giuseppe Ayala ripercorre i suoi anni in Parlamento a partire dal 1992, ricostruisce le troppe coincidenze che hanno caratterizzato le relazioni tra mafia, “poteri occulti” e politica, disegnando un quadro opaco che coinvolge criminalità mafiosa e pezzi deviati dello Stato.

Lascia un Commento