PUPELLA SUPERSTAR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Pippo La Barba

Exploit dell’attore palermitano Mario Pupella che dopo aver vinto, assieme ad altri, con il film Salvo il Gran Prix de la Semaine de la Critique  e il Prix Revelation de la Semaine al Festival di Cannes 2013, il 23 giugno scorso ha ricevuto uno dei Premi Taormina per le Arti e le Scienze istituiti dal Lions Club con il patrocinio della Regione Siciliana, del Comune e dell’Azienda del Turismo della città di Taormina.

Questi premi vengono assegnati ogni due anni a personalità di spicco nei diversi campi della vita sociale che si sono distinte con iniziative e opere di rilevante importanza per Taormina e la Sicilia.

Provo una grande emozione – afferma Pupella – questo premio in passato è stato assegnato a Turi Ferro, che per me rimane un mito e un maestro. Inoltre sono contento perchè è un riconoscimento che non riguarda solo la mia persona, ma principalmente l’attività teatrale che svolgo da più di un trentennio in accademia per la formazione degli allievi”.

Cosa ha rappresentato per te Salvo, l’ultimo film che hai interpretato?

“E’ un film straordinario, innovativo, scritto e diretto da due registi in gamba, Fabio Grassedonia a Antonio Piazza”.

Perchè è innovativo?

“Perchè ribalta il luogo comune di una Sicilia sempre violenta e fa intravedere una via di riscatto anche per un killer costruito a tavolino con le regole spietate della malavita”.

Ma il tuo prsonaggio è sempre quello di un boss.

“Sì, ma è un boss diverso, un boss stanco anche nella voce, che ripone tutte le sue speranze su questo nuovo killer, una sua creatura”.

Salvo sembra incontrare il favore del pubblico.

“Sì, è al terzo posto nella classifica degli incassi, dopo Brad Pitt e La grande bellezza”.

Quali sono i tuoi programmi futuri?

“Sto girando un film da protagonista, Sins Expiation, dove c’è pure Luigi Maria Burruano. Verrà presentato a ottobre al Festival di Roma”.

 

 

 

 

Lascia un Commento