SANITA’ SICILIA: I COMITATI ETICI DIVENTANO CINQUE | PalermoWeb News

SANITA’ SICILIA: I COMITATI ETICI DIVENTANO CINQUE

 

L’Assessorato della Salute, con il supporto del Comitato Regionale di Bioetica, ha provveduto a riorganizzare i comitati etici in Sicilia che diventano cinque, come previsto da recente normativa.

assessorato_sanitaSono stati fissati tempi certi di esitazione delle istanze ed è stato adottato un modello standard di contratto al fine di fornire garanzie alle Aziende che vogliono investire nella ricerca in Sicilia.

Il Comitato Etico è un organismo indipendente, senza scopi di lucro, costituito nell’ambito di una struttura sanitaria o di ricerca scientifica e composto secondo criteri di interdisciplinarità.

In caso di sperimentazione clinica dei medicinali il comitato Etico ha il compito di verificare l’applicabilità della sperimentazione proposta valutandone il razionale, l’adeguatezza del protocollo (obiettivi, disegno, conduzione, valutazione dei risultati), la competenza e l’idoneità dei ricercatori, valutare tutti gli aspetti etici (consenso informato, privacy dei dati).

Ogni comitato etico ha una competenza territoriale di una o più province nel rispetto del parametro di un comitato per ogni milione di abitanti, stabilendone la composizione ed il funzionamento.

Sedi e ambiti territoriali degli istituendi Comitati Etici interaziendali sono stati individuati in base ai dati di attività dell’ultimo triennio dei comitati etici in atto esistenti.

I componenti dei nuovi Comitati Etici saranno scelti in base a curriculum che documentino il possesso delle qualifiche e dell’esperienza necessarie a valutare gli aspetti etici, scientifici e metodologici degli studi proposti.

- comitato etico Palermo 1, allocato presso l’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico P. Giaccone di Palermo, competente per le sperimentazioni cliniche dell’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico P. Giaccone di Palermo, dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo, dell’Azienda sanitaria provinciale di Caltanissetta e dell’Ospedale Giglio di Cefalù;

- comitato etico Palermo 2, allocato presso dell’Azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello di Palermo, competente per le sperimentazioni cliniche dell’Azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello di Palermo, dell’Azienda ospedaliera di rilievo nazionale e di alta specializzazione Civico-Di Cristina-Benfratelli di Palermo, dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, e dell’Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione (ISMETT) di Palermo;

- comitato etico Catania 1, allocato presso l’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico Vittorio Emanuele di Catania, competente per le sperimentazioni cliniche dell’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico Vittorio Emanuele di Catania, dell’Azienda sanitaria provinciale di Ragusa e dell’Azienda ospedaliera per l’emergenza “Cannizzaro” di Catania;

- comitato etico Catania 2, allocato presso l’Azienda ospedaliera di rilievo nazionale e di alta specializzazione Garibaldi di Catania, competente per le sperimentazioni cliniche dell’Azienda ospedaliera di rilievo nazionale e di alta specializzazione Garibaldi di Catania, dell’Azienda sanitaria provinciale di Catania, dell’Azienda sanitaria provinciale di Enna, dell’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa e dell’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Oasi Maria SS. di Troina;

- comitato etico Messina, allocato presso l’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico “G. Martino” di Messina, competente per le sperimentazioni cliniche dell’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico “G. Martino” di Messina, dell’Azienda sanitaria provinciale di Messina, dell’Azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Papardo-Piemonte di Messina e dell’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico “Bonino Pulejo” di Messina

Lascia un Commento