Il ‘Triunfu pi Santa Rusulia’ è un atto di devozione che ogni anno, dal 1997, Rosa Mistretta e Vito Parrinello rinnovano offrendo alla nostra Santa Patrona di Palermo, l’antico rito popolare.

La rappresentazione si fonde in due momenti, quello tradizionale riportando alla luce il valore assoluto del culto attraverso il racconto del miracolo e quello dell’attualità nella quale, la ‘signora Rosalia Palermo’ (Stefania Blandeburgo), si affaccia dal suo piccolo balcone sul ‘curtigghiu’ per declamare la cronaca del nostro tempo con la nipote (di Daniele Billitteri).

Elisa Parrinello danzerà la ‘peste’ con le percussioni di Giovanni Parrinello e ‘la purezza’ sullo sfondo di un’antichissima carrettiera cantata da Eugenio Donato, che raccoglie l’eredità del nonno Totò Celano, Paolo La Bruna racconterà la vita di ‘Rosalia Sinibaldi’, le giaculatorie sono di Tanino Gioè, la processione con la ‘vara’ sarà condotta dalla Confraternita di Santa Rosalia dei Sacchi della Kalsa.

L’orazione di quest’anno vede in scena molti nonni con i loro nipoti, quale segnale rilevante di una ritrovata identità che si rigenera nel segno della famiglia e della storia più intima della città nella quale viviamo. Accompagnati dal Corpo Bandistico Palermitano diretto dal M°. Massimo Vella canteranno l’inno a Santa Rosalia, due frasi di …oh Rosa fulgida, oh Rosalia