In relazione alla notizia di stampa diffusa questa mattina dal quotidiano “la Repubblica”, in merito alle vicende giudiziarie che coinvolgono l’imprenditore palermitano Fausto Giacchetto, il presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Francesco Cascio, intende ribadire e confermare che con lo stesso esiste un rapporto di disinteressata amicizia personale e familiare di antica data, e che pertanto innumerevoli sono stati gli incontri e le conversazioni telefoniche, anche in ragione del fatto che lo stesso è componente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Federico II, incarico che, tra l’altro, svolge a titolo meramente gratuito.

Il presidente Cascio, dunque, respinge ogni bassa insinuazione relativa all’essere stato “beneficiario” di qualsivoglia favore legato all’attività professionale dello stesso Giacchetto. E aggiunge che ha trovato molto scorretto la scelta del quotidiano “la Repubblica” di pubblicare i nomi di persone che non sono coinvolte in indagini, al solo scopo di fare scalpore e cattiva informazione. Si riserva, inoltre, di valutare le più opportune azioni giudiziarie a tutela della propria dignità personale e professionale e del ruolo istituzionale ricoperto.