La LVIA anima le vie del capoluogo siciliano per discutere di accesso all’acqua nel Mondo

Approda a Palermo il 17 febbraio il Veliero della Solidarietà: un’iniziativa dei promotori del Sesto Forum Mondiale dell’Acqua, che si svolgerà a Marsiglia dal 12 al 17 marzo. Il Veliero navigherà sul Mediterraneo dal 25 gennaio al 22 marzo con tappe in Europa e Nord Africa allo scopo di animare il dibattito relativo all’acceso alle risorse idriche. La tappa italiana è stata organizzata dall’Ong LVIA.

Il Veliero della solidarietà è un’iniziativa del Segretariato Internazionale dell’Acqua e della rete ECOREM in collaborazione con gli enti che parteciperanno al Sesto Forum Mondiale dell’Acqua. Dal Nord Africa all’Europa, nel corso delle tappe in Marocco, Algeria, Tunisia, Spagna, Italia, Francia, il Veliero coinvolgerà il territorio con laboratori e incontri, a bordo e nelle città di scalo, per parlare di acceso alle risorse idriche nel mondo, al fine di condividere buone pratiche da portare al Forum dell’Acqua di Marsiglia, dove il Veliero attraccherà dopo due mesi di viaggio.

L’Ong LVIA opera da più di 45 anni per dare un contributo concreto alla realizzazione in Africa del diritto all’acqua e all’igiene. Sarà tra le Ong italiane partecipanti al Forum Mondiale dell’Acqua. Italo Rizzi, direttore della LVIA, afferma: “Riteniamo sia fondamentale esporsi negli ambiti decisionali importanti con un messaggio forte e chiaro per incidere sugli orientamenti delle politiche a livello mondiale. Per questo motivo, in preparazione al Forum, la LVIA ha redatto un documento che raccoglie i contributi dei partner internazionali, e in particolare africani, come accaduto nell’ambito corso del Forum realizzato a Ouagadougou, in Burkina Faso, nel dicembre scorso. Il documento è consultabile sul sito della LVIA (www.lvia.it)”.

Lo scalo italiano del Veliero della Solidarietà è previsto a Palermo il 17 febbraio per la durata di cinque giorni in cui saranno realizzate iniziative per animare il dibattito con la cittadinanza sul tema della gestione delle risorse idriche e per promuovere scelte di consumo consapevole. La tappa siciliana, che si realizzerà con il patrocinio della Regione Sicilia, la collaborazione dell’Associazione Vivi e lassa viviri e il contributo di CESVOP e Amap SpA, prevede un programma molto ricco:

Venerdì 17 febbraio:

Dalla Tunisia il veliero arriva al porto di Palermo

Pomeriggio: visite al Veliero della solidarietà ormeggiato al porto

Sabato 18 febbraio:

h 9.00 visita al Qanat Gesuitico Alto, le strette gallerie sotterranee scavate dai muqanni, i “maestri d’acqua” fin dall’epoca della dominazione araba per portare l’acqua in superficie. Accompagnamento a cura degli speleologi del CAI. Per la visita è richiesto un contributo di 10,00 € a persona per il noleggio attrezzatura e per l’assicurazione. Prenotazione obbligatoria tramite e-mail a [email protected] o telefonando al 368.344.11.83

h 10.30 visita alla Camera dello Scirocco di Fondo Micciulla

h 12.00 visita della Sorgente del Gabriele

h 18.00 Tavola rotonda – Salone del centro Santa Chiara, piazzetta Santa Chiara “Buone pratiche di gestione dell’acqua : gestione comunitaria in Africa e esperienze in Italia alla luce del risultato referendario del giugno 2011”. Intervengono: Domenico GIANNOPOLO – Vice Sindaco di Caltavuturo (PA); Vincenzo CANNATELLA – Presidente di Amap S.p.A.; Italo RIZZI – Direttore LVIA; Rappresentanti dei forum cittadini dell’acqua

h 20,00 festa e cena condivisa – Salone del centro Santa Chiara.

Domenica 19 febbraio:

h 10–13 e 16–19 esposizione della mostra H2 – Un diritto umano e un bene di tutti di P. Rizzi – centro Santa Chiara

Pomeriggio: visite al Veliero della solidarietà ormeggiato al porto e minicrociera nel golfo di Palermo

Lunedì 20 febbraio:

h 9.00/13.00 visite guidate alla mostra H2 – Un diritto umano e un bene di tutti degli alunni della scuola Media Quasimodo

h 10.30 Visite al Veliero della Solidarietà e minicrociera nel golfo di Palermo degli alunni della Scuola elementare Luigi Capuana

h 13.00 Saluti e preparativi per la partenza del Veliero verso la Corsica