«Sento dentro di me forte il bisogno di rivolgere un appello ai giovani: coltivate le vostre passioni, impegnatevi, non cedete alla rinuncia e al pessimismo. Credete nei vostri ideali, se avete un sogno coltivatelo, non rinunciate a essere onesti, non siate disaffezionati alle istituzioni e alla politica»

“La mafia uccide d’estate – cosa significa fare il ministro della Giustizia in Italia” è il titolo del primo libro a firma di Angelino Alfano, segretario nazionale del Pdl ed ex Guardasigilli, che verrà presentato domani 26 novembre alle 17, nello splendido scenario  della Sala Gialla di Palazzo dei Normanni, sede del Parlamento siciliano, a Palermo.

Il volume edito da Mondadori, descrive come è cambiato il sistema giudiziario negli ultimi anni e racconta i mille giorni dell’ex Guardasigilli, ripercorrendo la storia di chi ha fatto della militanza antimafia la propria ragione di impegno.

Tra gli interventi previsti, quello di Roberto Piscitello, direttore generale del personale del ministero della Giustizia, Francesco Verderami, editorialista “Corriere della Sera”, Giuseppe Sottile, editorialista “Il Foglio”.

A moderare gli interventi, Bartolo Sammartino, presidente dell’Accademia nazionale della Politica. Prevista la partecipazione del coordinatore regionale del Pdl in Sicilia, Giuseppe Castiglione. Concluderà l’autore del libro, Angelino Alfano.