I versi di Ignazio Buttitta riecheggeranno domenica 19 giugno in piazza Monsignor Cipolla ad Aspra nel corso dello spettacolo musicale “La mia vita vorrei scriverla cantando”, un intenso viaggio nell’universo umano attraverso i testi del poeta bagherese recitati dalla figlia Flora Buttitta in un dialogo poetico-musicale con il cantastorie Paolo Zarcone e il chitarrista Francesco Maria Martorana .

Lo spettacolo si sviluppa intorno al dialogo che il cantastorie Paolo Zarcone e il chitarrista Francesco Maria Martorana intrattengono sul palcoscenico con Flora Buttitta, figlia del poeta.

Dialogo all’interno del quale si innestano, di volta in volta, i versi di Ignazio Buttitta, recitati dalla figlia o cantati dal cantastorie Zarcone, alternando momenti di riflessione (la mafia,. lo sfruttamento minorile, le lotte dei braccianti, l’emigrazione) a momenti di puro divertimento (i tradimenti d’amore e altro).
Lo spettacolo nasce grazie a un tranello teso da Zarcone e Martorana alla giovane ottantaduenne Flora Buttitta (è una “ragazza del ’29”!) in occasione di un loro spettacolo.

«L’idea la concepimmo – confessano i due artisti – in occasione della riapertura dell’antica putìa di Ignazio Buttitta, a Bagheria, quando, durante la nostra esibizione, Flora prese a fare incursioni in cui raccontava aneddoti sul padre, su Busacca, su Rosa Balistreri. Fu un colpo di fulmine: la scritturammo a sua insaputa. E, sempre a sua insaputa, giorni dopo, si ritrovò catapultata su un palco insieme a noi. La cosa la divertì parecchio. Così nacque lo spettacolo».

Ideatore dello spettacolo, come pure della riapertura della putìa di Ignazio Buttitta, è Paolo Zarcone, affermato cantastorie siciliano di ultima generazione che da anni ama fondere le sue opere alla sapiente chitarra del chitarrista Francesco Maria Martorana.
Sul palcoscenico, per l’occasione i due artisti sono accompagnati da Claudio Iandolino al basso e da Vincenzo Zarcone alla batteria.
In programma alcune tra le più belle composizioni del poeta di Bagheria come Parru cu tia, Arsura d’amuri, Lingua e dialettu, Li pirati a Palermu, La Sicilia havi un patruni, Lu trenu di lu suli, Lamentu pi la morti di Turiddu Carnivali
Lo spettacolo, offerto dall’Assessorato alla Cultura di Bagheria guidato da Emanuele Tornatore, avrà luogo, con inizio alle ore 21,00, in piazza Monsignor Cipolla, ad Aspra (Bagheria), il borgo marinaro in cui Buttitta trascorse gli ultimi giorni della sua vita.